Qualifica e certificazione del personale addetto alle Prove Non Distruttive
Hai dei dubbi sulla Norma ISO 9712 ?

Poni il tuo quesito, ti daremo la nostra risposta.

info@iso9712.com
Domande e Articoli
Luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu   Set »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Visione colori per qualifica ISO 9712 PT,MT,VT,UT

Salve,

vi chiedo cortesemente qualche chiarimento in merito ai requisiti di visione dei colori stabiliti dalla normativa, la quale cita:" colour vision shall be sufficient that the candidate can distinguish and differentiate contrast between colours or shades of grey used in the NDT method…".

Io ho riscontrato alcune difficoltà di lettura solo nel test ishihara di per sè, causa probabile parziale daltonia verde/rosso, mentre in campo lavorativo almeno finora non ho avuto nessuna difficoltà visiva se non a causa di inesperienza.

L'oculista da cui sono stato mi ha certificato capacità sufficiente di distinzione del contrasto fra i colori. 

Ora se gli esami in sede di certificazione avessero esito positivo, posso considerarmi a posto?

In generale posso incorrere in qualche tipo di restrizione o contestazione? 

Ad esempio alcune aziende hanno il proprio oculista che potrebbe non avere la stessa opinione.

 

Vi ringrazio per ogni delucidazione in merito e porgo Cordiali Saluti.

Buongiorno,

la norma ISO 9712 nel punto 7.4 alla lettera b) dice quanto segue:

"la visione dei colori deve essere sufficiente a permettere al candidato di distinguere a differenziare il contrasto tra i colori o le sfumature di grigio utilizzati nel metodo PND in questione come specificato dal datore di lavoro"

Quindi la norma prevede che sia il datore di lavoro a decidere sull'idoneità dell'operatore ad espletare la mansione magari prevedendo una prova su pezzi campione per dimostrare l'idoneità dell'operatore ad individuare i difetti richiesti. Il datore di lavoro volendo può anche mettere dei limiti (ad esempio l'utilizzo di colori specifici in certi controlli ) per assicurare l'idoneità dell'operatore.