Qualifica e certificazione del personale addetto alle Prove Non Distruttive
Hai dei dubbi sulla Norma ISO 9712 ?

Poni il tuo quesito, ti daremo la nostra risposta.

info@iso9712.com

certificazione UNI EN ISO 9712 determinazione del senso cromatico

Riportiamo di seguito una domanda pervenutaci sulla determinazione del senso cromatico o capacità di visione dei colori :


Salve, vi scrivo in merito alla conformità sulla visione dei colori in quanto non mi è ben chiaro cosa dovrebbe certificare il medico nello specifico.  
 Mi spiego, la normativa cita semplicemente:"Una visione dei colori sufficiente a permettere al candidato di distinguere e differenziare il contrasto tra i colori in riferimento al metodo per il quale si richiede la certificazione."
Quale sarebbe la dicitura corretta, basta una semplice attestazione di capacità di distinzione sufficiente dei colori o nell'attestato rilasciato dall'oculista si deve specificare anche il o i metodi per il quale vengo abilitato? 
Inoltre, e possibile adottare un solo attestato per l'ammissione a più esami?
La data dell'attestato per un candidato che sostiene gli esami per la prima volta deve essere di massimo 3 mesi antecedente alla data dell'esame?
Se potreste darmi qualche chiarimento in merito ve ne sarei molto grato, in quanto non sono riuscito a trovare nulla di più specifico. Cordiali Saluti.
 

Cerchiamo di rispondere alla domande poste :

La dicitura corretta non è scritta esplicitamente da nessuna parte. Una dicitura generica tipo " sufficiente distinzione dei colori" dovrebbe andar bene, una più precisa citando il metodo di prova del tipo "Test di ISHIHARA per la determinazione del senso cromatico superato positivamente" dovrebbe andare più che bene. Ad ogni modo le richieste potrebbero variare in base all'organismo di certificazione scelto. Il consiglio è quello di chiedere a chi certifica cosa vuole che sia riportato nel certificato. Nello specifico su questo punto la norma prevede che "il candidato deve distinguere e differenziare il contrasto di colori o le sfumature di grigio utilizzati nel metodo PND". E' evidente che nel caso della lettura lastre sia importante fare un esame specifico per le sfumature di grigio. 

La visita oculistica può essere fatta da un medico oculista o da un ottico optometrista. L'ottico è una soluzione veloce ed economica.

Nel certificato oculistico non serve specificare i metodi e lo stesso certificato può essere usato più volte purché non sia antecedente a ……….. mesi rispetto la data del rinnovo o dell'esame

Non abbiamo specificato i mesi perchè anche in questo caso il numero può essere diverso da un'organismo di certificazione all'altro.

In particolare la norma prevede 12 mesi per il rinnovo e la ricertificazione ma non scrive nulla riguardo la prima certificazione. Quindi nel caso di prima certificazione la vetustità del certificato è decisa dall'organismo di certificazione.

 

Una risposta a certificazione UNI EN ISO 9712 determinazione del senso cromatico